Giubileo della Misericordia

Le Porte Sante e il percorso verso la salvezza

Giubileo

La Porta santa è la porta delle quattro Basiliche Maggiori di Roma che vengono murate per essere aperte solo in occasione di un Giubileo. E’ il Rito più emblematico di tutto l’anno giubilare, ne segna l’inizio ed esprime simbolicamente un percorso straordinario verso la salvezza a tutti i fedeli. Le Porte Sante risiedono nelle Basiliche di San Pietro, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore.

Il Giubileo straordinario della Misericordia avrà inizio l’8 dicembre proprio con l’apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro. Quella di San Giovanni in Laterano e delle Cattedrali del Mondo verranno aperte domenica 13 dicembre. Il 1 gennaio 2016 toccherà alla Porta della Basilica di Santa Maria Maggiore, mentre l’ultima delle Basiliche romane, quella di San Paolo fuori le mura, verrà aperta ufficialmente lunedì 25 gennaio 2016.
Non solo Roma: nel mondo ci sono altre Porte Sante in luoghi di particolare affluenza di pellegrini dove è possibile ricevere l’indulgenza plenaria. E’ il caso della Cattedrale di Santiago di Compostela o della Basilica di Santa Maria di Collemaggio dell’Aquila, la Basilica-Cattedrale di Notre-Dame de Québec o la Cattedrale di Atri. Vediamo nello specifico le quattro Basiliche, meta di milioni di pellegrini durante il Giubileo della Misericordia.

San Pietro

“Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa” questa la frase che Gesù rivolse al pescatore di Galilea eletto a capo degli apostoli. Pietro, una volta giunto a Roma fu giustiziato dove oggi sorge l’obelisco vaticano. La Basilica sorge proprio nel luogo dove l’apostolo fu suppliziato. Nell’architettura della Basilica c’è una forte correlazione tra la tomba di Pietro, l’altare e la basilica stessa creando uan sorta di catena fisica e spirituale tra Roma e Cristo. In quest’ottica il Vaticano è la nuova Terra Santa, la nuova Gerusalemme.

San Paolo fuori le mura

Paolo si convertì alla fede cristiana sulla via di Damasco, fu portato a Roma nel 61 d.C. in catene e qui fu perseguitato e decapitato presso le Acque Salvie, oggi “Tre fontane” ad indicare le tre sorgenti nate nei punti in cui cadde la testa del Santo. Gli imperatori fecero costruire una grande Basilica in suo onore, distrutta da un incendio nel 1823 ma ricostruita grazie ai contributi provenienti da tutto il mondo. Il portico della Basilica rappresenta una cesura con il mondo esterno, le quattro palme ricordano Gerusalemme e una statua del Santo invita al silenzio. Sulle pareti della Basilica sono raffigurati 262 Papi, prerogativa che testimonia la successione apostolica.

San Giovanni in Laterano

E’ la Cattedrale di Roma e rappresenta la madre di tutte le chiese del mondo. In San Giovanni vissero tutti i Papi. L’ultimo, Bonifacio VIII, annunciò il primo Giubileo. L'edificio fu distrutto più volte: dai barbari nel V secolo, da un terremoto nel IX e da due incendi nel 1300. Venne poi abbandonata nel corso del medioevo. In occasione del giubileo del 1650 la Basilica fu ristrutturata e divisa in dodici edicole, simbolo delle dodici porte della Gerusalemme celeste. La porta in bronzo segna un ideale trapasso tra la Roma pagana e la Roma cristiana. Un’importante meta del pellegrinaggio è la “Scala Santa”, quella salita da Gesù durante il processo.

Santa Maria Maggiore

La Basilica mariana fu costruita secondo le direttive di Papa Sisto III nel 432 proprio per esaltare la divina maternità di Maria ed è il primo santuario mariano della cristianità, chiamata per questo motivo anche “piccola Betlemme”. L’abside raffigura la madre di Dio incoronata dal figlio e l’arco trionfale rappresenta la nascita e l’infanzia di Gesù.

Prossimi eventi