Giubileo della Misericordia

Roma all'aperto

Arte & Cultura

Se durante la vostra visita capitolina e la vostra partecipazione agli eventi del Giubileo della Misericordia avete bisogno di una pausa, Roma non vi deluderà. La Capitale è infatti una delle città più verdi d’Europa.

Non solo grandi Parchi e Ville ma anche una varietà di stagni, aree agricole, boschi, laghi e ruscelli naturali che costituiscono riserve integrali ricche di flora e abitate da volpi, rapaci, ricci, cinghiali, tassi, istrici. 16.000 ettari di natura protetta: ve ne presentiamo qualcuna.

Prima di recarvi nei luoghi che vi suggeriremo, acquistate il vostro pranzo take-away e godetevelo al sole di Roma. Con soli 5 euro avrete diritto ad un panino (o un trancio di pizza), una bibita e uno sfizio a scelta.

Ristoranti a Roma dove mangiare

Scopri di più!

Villa Borghese
E’ uno dei parchi più estesi di Roma da cui si può accedere da diversi quartieri: Flaminio, Salario, Pinciano. Il nome deriva dalla prima residenza del Cardinal Scipione Borghese risalente all’inizio del Seicento. Il Casino Nobile, come è chiamata la residenza, ospita una delle più prestigiose raccolte di opere d’arte, con capolavori di Caravaggio, Tiziano, Canova, Bernini e Raffaello. Villa Borghese ospita altri edifici coevi, quali il Casino del Graziano, l’Uccelliera, il Casino Giustiniani, e la Meridiana; ci sono anche edifici dell’800 quali il Casino dell’Orologio, la Fortezzuola, l’ampio Giardino del Lago. All’interno del parco sono tante le attività da fare: il Casino di Raffaello ospita una ludoteca per bambini, la Casa del Cinema, il Bioparco, il Globe Theater dove, d’estate, vengono allestite le opere di Shakespeare. E ancora, sculture, fontane, alberi secolari, laghetti, giardini all’italiana. In questo immenso museo a cielo aperto è possibile affittare biciclette e risciò, fare una passeggiata a cavallo o semplicemente rilassarsi nelle distese di verde.

Villa Doria Pamphilj
Con i suoi 184 ettari di estensione fu la residenza di campagna della famiglia Pamphilj, sotto il pontificato di Innocenzo X (1644-1655). L'apertura di Via Leone XIII in occasione delle Olimpiadi del 1960, ha diviso il parco in due parti: a est il settore più ricco di testimonianze monumentali con edifici storici e fontane, a ovest quello più naturalistico. All’interno del Parco ci sono testimonianze artistiche di ogni epoca: quella romana con l’acquedotto Traiano Paolo e strutture funerarie, quella medioevale con un architrave decorato, quella barocca con Algardi, Grimaldi e Bernini, fino alle testimonianze dell’arte settecentesca e ottocentesca.

Villa Ada
Con i suoi 160 ettari, è il secondo Parco di Roma. Camminando nel parco si possono scrutare numerosi edifici neoclassici quali Villa Polissena, le Scuderie Reali, il Tempio di Flora, lo Chalet svizzero, ma quello che stupisce è la presenza di veri e propri boschi di lecci, pinete, querce da sughero, allori e castagni e una fauna variegata, fatta di scoiattoli, conigli, ricci e intere comunità di uccelli. La Villa fu residenza dei Savoia tra il 1872 e il 1878 e ancora tra il 1904 e il 1946. Nel parco si possono affittare biciclette e ci sono dei percorsi per fare attività sportiva, c’è un parco giochi, un maneggio, punti ristoro e l’estate, nell’isolotto al centro del lago, vengono organizzati concerti all’aperto con artisti da tutto il mondo.

Riserva naturale della Valle dell’Aniene
Un territorio immenso in cui confluiscono le numerose anse del fiume Aniene, nel suo tratto all’interno del Grande Raccordo Anulare e sono presenti elementi di grande interesse storico, quali il cratere dell’antico Lago di Castiglione, le sorgenti dell’Acqua Vergine, nel suo tratto extraurbano. La Riserva è ricoperta da querce, olmi, salici bianchi, frassini e aceri. La fauna è variegata e tra le specie con maggior presenza si annoverano il granchio di fiume, colonie di pipistrelli e altri uccelli. All’interno della Riserva spiccano, per importanza naturalistica, il Pratone delle Valli (proprio accanto alla fermata Conca d'Oro della metro B1).

Riserva naturale di Monte Mario
Con i suoi 139 metri di altezza, è un vero e proprio esempio di diversità biologica nel cuore della città. Alle pendici del monte si trovano lecci, sugheri e cisti, tipici esempi della flora mediterranea, mentre più in alto si trovano carpini, tigli, aceri, noccioli e cornioli. La fauna conta di moscardini, topolini selvatici, pettirossi, verdoni e cardellini. In epoca romana il colle ospitava le residenze di nobili e poeti e veniva attraversato dagli eserciti di ritorno dalle campagne militari lungo la via Trionfale. Punto di passaggio anche per i pellegrini che giungevano a Roma, come ultimo tratto della via Francigena.

Ovunque andiate, ricordatevi che Vatimecum vi mette a disposizione il Menù Pranzo Asporto da acquistare in decine di ristoranti in tutta la città. Con un solo Ticket, dal valore di 5 euro, si possono acquistare un panino o un trancio di pizza e una bottiglietta d’acqua da mezzo litro o una bibita.

Prossimi eventi

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutte le novità del Giubileo della Misericordia