Giubileo della Misericordia

Catacombe di Roma, un mondo sotterraneo

Arte & Cultura

Nel sottosuolo di Roma è presente un mondo parallelo, fatto di antiche rovine, vecchie strutture e labirinti di corridoi tutti da scoprire.

Le catacombe di Roma sono una preziosa testimonianza delle antiche pratiche funerarie che per chilometri si snodano in un turbinio di storia e spiritualità. La parola catacomba deriva dal latino “catacumba”, a sua volta derivante dal greco con il significato di “sotto le grotte”. E’ frequente che venissero scavate nel tufo, una roccia malleabile e friabile. Possono arrivare fino a trenta metri di profondità e quelle più celebri sono di origine cristiana.

Le catacombe erano poste sempre fuori dalle città a causa del divieto della sepoltura urbana per motivi religiosi e di igiene. Sono composte da gallerie strette, lunghe e basse, meglio conosciute come “ambulacri”. Lungo le pareti degli ambulacri venivano scavati i loculi con un’altezza di 40 centimetri e una lunghezza tra i 120 e i 150 centimetri. Gli ambulacri erano alternati ai cubicoli, piccoli ambienti destinati ad ospitare le tombe di famiglie, e alle cripte che contenevano invece la tomba di un martire.

Le catacombe ricevevano luce e aria da pozzi verticali quadrati, chiamati lucernari. Ogni tomba veniva chiusa con una lastra di marmo sulla quale venivano incisi i nomi dei defunti, l’età, la data di morte e spesso un’epigrafe religiosa: tutte informazioni importantissime per ricostruire la storia dell’epoca.

Se pensate di fare visita alla Città Eterna, consigliamo di visitare le catacombe di Sant’Agnese e le catacombe di Priscilla: due tesori dell’arte funeraria da non perdere!

Tour a Roma visitare la città eterna

Visita Roma con i nostri tour

Prossimi eventi

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutte le novità del Giubileo della Misericordia